Home Casa e cucina Alimenti e Bevande Per celebrare le festività natalizie la scelta più apprezzata è il pandoro...

Per celebrare le festività natalizie la scelta più apprezzata è il pandoro ma qual è il migliore?

Sponsored by Amazon

Tradizionalmente consumato durante le festività natalizie, il pandoro è un dolce veronese il cui nominativo significa “pane d’oro”, a indicare il colore giallo intenso del suo impasto. Caratterizzato da una pasta particolarmente soffice e delicata, ottenuta miscelando uova, farina, zucchero, burro e abbondante aroma di vaniglia, questo dolce ha la tipica forma di stella a otto punte. Scopriamo insieme quali sono le ricette migliori per rispettare la tradizione con gusto.

Pandoro di Verona Paluani

PRO

  • Il Pandoro Paluani si distingue per l’estrema leggerezza e digeribilità, adatto a consumatori di tutte le età.
  • Il sapore delicato e fragrante è particolarmente gradito anche ai palati più esigenti.
  • L’impasto lievitato naturalmente contribuisce a rendere il dolce molto soffice, e con una cottura perfetta in tutti i punti.

CONTRO

  • L’impasto non è particolarmente dolce e questa caratteristica può rappresentare un difetto per gli amanti dello zucchero.
  • Secondo alcuni consumatori il prezzo di vendita è un po’ troppo elevato, trattandosi di un prodotto molto semplice e di origine industriale.
  • Un difetto riscontrato da molti acquirenti è riferibile alla parte esterna del pandoro, che nella maggioranza dei casi risulta molto scura in quanto troppo cotta.

Grazie alla ricetta classica che Paluani utilizza da moltissimi anni, il Pandoro di Verona viene considerato uno dei prodotti migliori attualmente in commercio.
Il soffice pan di Spagna ha una consistenza morbida ma non troppo unta, che si distingue per l’assenza di grassi idrogenati, di coloranti e di olio di palma.
La sua lievitazione naturale contribuisce a rendere il prodotto soffice e spugnoso e di facile digeribilità, proprio per la giusta concentrazione di tutti gli ingredienti che risultano amalgamati in maniera perfetta.
Spolverizzato con lo zucchero vanigliato contenuto nella bustina presente nella confezione, il pandoro assume un sapore di vaniglia ancora più intenso, il cui inconfondibile aroma lo rende perfetto come fine pasto.

Ideale inzuppato nel vino, soprattutto Vin Santo, questo dolce può costituire un’ottima prima colazione, accompagnandolo con cappuccino, tè o caffè.
Essendo prodotto seguendo la ricetta classica, il Pandoro Paluani è ottimo anche per i bambini, che lo apprezzano per l’impasto molto nutriente e facilmente digeribile.

Pandoro di Verona Bauli

PRO

  • Il principale punto di forza del pandoro Bauli è rappresentato dall’impiego del lievito madre che consente un perfezionato processo di lievitazione naturale.
  • Un altro notevole vantaggio è quello del sapore, particolarmente delicato, equilibrato e non troppo zuccherino.
  • La compattezza dell’impasto lo rende facilmente digeribile e non troppo unto, anche grazie all’impiego di grassi non idrogenati molto ben assimilabili.

CONTRO

  • Secondo alcuni acquirenti il pandoro Bauli ha un costo troppo elevato.
  • Trattandosi di un dolce industriale, i consumatori hanno evidenziato un sapore vagamente artificiale.
  • Una volta aperto, l’impasto perde velocemente la sua morbidezza tendendo a seccarsi con facilità se la confezione non viene richiusa ermeticamente.

Prodotto con un’esclusiva ricetta che l’azienda Bauli utilizza da sempre, il Pandoro ricetta classica si distingue per l’impiego di materie prime di eccellente qualità e soprattutto del famoso “lievito madre” responsabile della particolare morbidezza di questo dolce.
Si tratta di un nucleo di pasta rigenerata che viene conservata nel tempo per poi essere aggiunta ai tradizionali ingredienti.
Dalla lievitazione rigorosamente naturale dell’impasto deriva anche il sapore delicato e non troppo zuccherino del pandoro che non risulta mai stucchevole anche se spolverizzato con lo zucchero a velo.
Particolarmente fragrante e saporito, il dolce emana un intenso profumo di vaniglia, derivante dalla presenza di raffinati aromi naturali.

Nonostante l’impasto sia ricco di uova e burro, il pandoro Bauli è facilmente digeribile, proprio per la genuinità dei suoi ingredienti che assicurano un’ottima qualità.
La friabilità della sua pasta è una delle migliori attualmente in commercio, e rende questo dolce perfettamente paragonabile a quelli prodotti artigianalmente.

Pandoro Classico Galup

PRO

  • Il principale vantaggio offerto dal Pandoro Galup è rappresentato dall’utilizzo di uova fresche di galline allevate a terra.
  • Un requisito particolarmente apprezzato dai consumatori è la consistenza dell’impasto, che si presenta leggermente umido per l’elevata concentrazione di burro.
  • L’aroma vanigliato del Pandoro Galup è apprezzato perché non risulta troppo intenso ma equilibrato e gradevole.

CONTRO

  • Un fattore negativo legato al Pandoro Galup è il prezzo, valutato dalla quasi totalità degli acquirenti come troppo elevato, anche in rapporto al fatto che il suo peso è minore rispetto a quello di altri prodotti simili.
  • La consistenza umida dell’impasto per alcuni è sgradevole, in quanto lo appesantisce rendendolo più difficile da digerire.Uno svantaggio evidenziato è relativo al fatto che il Pandoro Galup pesa soltanto 750 grammi, ed è troppo piccolo per essere servito
  • durante i pranzi natalizi con molti commensali.

Prodotto secondo una ricetta classica, e realizzato artigianalmente con ingredienti genuini e naturali che consentono di ottenere un impasto estremamente saporito, il Pandoro Classico Galup si distingue per l’impiego di uova di galline allevate a terra con l’aggiunta supplementare di tuorli.
Realizzato nella classica confezione da 750 grammi, che assicura una particolare sofficità collegata alle minori dimensioni, questo dolce è perfetto consumato insieme a Moscato d’Asti o a spumanti di vario tipo, che esaltano le sue caratteristiche organolettiche.
Per potenziare al massimo l’aroma e il sapore delicatamente vanigliato del Pandoro Galup, è sempre consigliabile mantenerlo a temperatura tiepida per almeno un’ora prima del consumo, mentre quando è chiuso nella sua confezione è opportuno conservarlo in un luogo fresco.

La quasi equivalente concentrazione di zucchero e burro rende l’impasto di questo dolce non soltanto soffice e morbido ma anche lievemente bagnato, dato che la quantità di grasso supera il 20%.
Questo requisito costituisce il punto di forza del prodotto.

Pandoro Balocco

PRO

  • Pur essendo un prodotto industriale, il Pandoro Balocco offre un sapore genuino e gradevole, analogo a quello dei prodotti artigianali.
  • La crosta esterna è morbidissima e contrariamente ad altri prodotti simili non è troppo cotta e quindi molto gradevole al palato.
  • L’impasto è soffice e non trasuda grasso.

CONTRO

  • Secondo alcuni consumatori l’impasto è troppo secco e questo requisito peggiora l’appetibilità.
  • Il prezzo viene spesso valutato eccessivo, soprattutto in quanto si riferisce a un prodotto molto semplice.
  • La busta di zucchero a velo contenuta nella confezione non è sufficiente per spolverizzare completamente il pandoro.

Pur essendo un prodotto industriale, il Pandoro Balocco offre ottime caratteristiche di freschezza, sofficità e leggerezza e soprattutto garantisce un sapore intenso e aromatizzato alla vaniglia, adatto a consumatori di tutte le età.
Essendo preparato con latte fresco e uova di galline allevate a terra, esso si presenta particolarmente genuino, con un sapore vanigliato e delicato al tempo stesso.
Anche se il suo impasto contiene un’elevata percentuale di grassi, il dolce non è troppo unto, ma anzi risulta friabile tendendo a sciogliersi in bocca senza lasciare un retrogusto lipidico.

L’impiego di farina bianca di grano tenero rende il sapore del Pandoro Balocco particolarmente delicato e quasi simile a quello di un pane dolce, con un equilibrato aroma vanigliato.
La sua tipica consistenza elastica è una caratteristica che lo distingue dalla maggior parte degli altri pandoro.
La crosta bruna esterna è particolarmente sottile e morbida e non risulta eccessivamente cotta, ma soltanto brunita.

Pandoro Motta

PRO

  • La forma allungata del pandoro rappresenta un notevole vantaggio in quanto le fette più sottili risultano maggiormente appetibili.
  • Il sapore fragrante dell’impasto è uno dei principali punti di forza del Pandoro Motta.
  • Un requisito apprezzato dalla maggior parte dei consumatori è il prezzo, decisamente più conveniente rispetto a quello di altre marche.

CONTRO

  • La crosta esterna del pandoro appare troppo cotta e altera le caratteristiche del prodotto.
  • L’aroma vanigliato dell’impasto non è adeguato alla tipologia di questo dolce, e deve essere potenziata dallo zucchero a velo aggiuntivo.
  • Una volta aperta la confezione, il dolce tende a seccarsi velocemente.

Pur trattandosi di un dolce industriale, il Pandoro Motta è confezionato con ingredienti di alta qualità, che lo rendono simile a un prodotto artigianale.
Grazie alle tecniche di impasto, la sua consistenza è morbida e golosa, e il gusto si presenta armonioso e non troppo intenso.
Nonostante la sua forma tronco-conica con il classico basamento circolare, esso si presenta più alto rispetto ad altri e questo contribuisce a rendere le fette più sottili e quindi a conservare meglio l’aroma vanigliato.
La crosta esterna è piuttosto scura e risulta troppo cotta tanto che in alcuni casi è consigliabile eliminarla prima di mangiare la polpa.

Dopo essere stato spolverizzato con lo zucchero a velo, il sapore del Pandoro Motta migliora notevolmente, in quanto viene potenziato l’aroma di vaniglia che nell’impasto non è molto evidente.
Per esaltare il gusto di questo dolce, è necessario lasciarlo riscaldare per almeno trenta minuti prima del consumo, dato che se mangiato freddo non è facilmente digeribile.

CONCLUSIONI

Tra i vari prodotti analizzati, quello che presenta le migliori caratteristiche è il Pandoro Classico Galup, sia per la qualità degli ingredienti, sia per il metodo di lavorazione che conferisce all’impasto una consistenza morbida e umida, particolarmente gradita al palato.